Il segno d'unione di un destino



Il 2 maggio 1976, i giovani della Val d'Arzino hanno innalzato una pesante croce in acciaio sulla cima del monte Flagel (1456), in segno di unione tra le genti delle valli che si diramano lungo le sue pendici.
Il 6 maggio 1976, quattro giorni dopo, una croce ancora più pesante ha unito tutto il nostro Friuli a paesi di tutto il mondo.

Provin a pensài sù
Riflessioni di un giovane della Val d'Arzino fatte pochi mesi dopo il devastante sisma del '76.

A l'è pasât un biel nin di timp ormai. Il taramôt a l'è deventât part di nos e dala nuesta vita. A nos à ruvinadas las cjasas, simbui dal nuesti Iavôr e orgolio dala nuesta fadìa; ma no noma chest, la nuesta vita a è stada mitùda sot sora, i nuestis mùatz da fà, zûtz in rebalton.
Stin vivìnt un periodo di càos, e la nuesta unica idea, la nuesta ambizion a è chè da tornà a èsci coma prima.
Forzi a l'è ust, il dirìt da vivi in pâs a è idea di duc; ma torsi si stin dismenteànt co duc i momentz, encia chesc, a i van vivûtz in plen. Cirìn da meti a puest las nuestas ideas, no stin a platà la nuesta cativeria, ta l'ombrèna dal taramôt, fasìn in mùat da no vulìa rùbas co fin a iér no si serèssint insumiâtz da via.
In chesc mèisc vin vidût un grum di rùbas bielas, un grum di chés brutas: int ca si è tiràdas su las mànias, ca à lavoràt, ca à cjapàt las rubas da la banda usta; àtisc ca i àn savùt noma tirà dongja e criticà, ruvinànt un grum la vòia da fà. So si sin indacuàrz co qualchi volta vin sbaliât, so volin tornà a meti a puest las rubas, dismentein da esci egoìsc.
A è chesta una ocasion unica par dimostrà co sot sot, sin sì tant fuarz da vivi in tuna cjera for dal mont, ma sin encja cussì fuarz da ési una comunitât in tun puèst c'al divìt las cjasas ma no i côrs.